Centro, presi sette borseggiatori a bordo di autobus e metro: due sono minorenni

Presi sette borseggiatori a bordo di autobus e metro della Capitale. Nel mirino, i numerosi turisti che affollano la Capitale. Nel sottopasso del Terminal Gianicolo i carabinieri della stazione San Pietro hanno arrestato due bosniache di 38 e 22 anni, entrambe domiciliate a Pomezia e con precedenti, che avevano appena sfilato il portafoglio ad una turista cinese. Altri arresti sono stati effettuati a bordo di due autobus. Sulla linea 64 è finito in manette un romeno di 44 anni che ha cercato di sfilare il portafoglio ad un turista cinese che, accortosi del tentativo di furto, è riuscito ad attirare l’attenzione dei carabinieri della stazione Vittorio Veneto che stavano transitando lungo corso Vittorio Emanuele. I militari sono intervenuti e hanno bloccato e arrestato il “manolesta”. Poco più tardi a bordo di un altro autobus della linea H diretto alla stazione Termini, all’altezza di piazza Venezia, due cittadini romeni di 26 e 44 anni, entrambi senza fissa dimora e con precedenti, sono stati bloccati dai carabinieri della compagnia San Pietro, subito dopo aver rubato un telefono cellulare ed il portafoglio, custoditi in una tasca dello zaino che un turista italiano portava sulle spalle.
Infine, due nomadi, entrambe minorenni e domiciliate nel campo rom di Castel Romano, sono state bloccate dopo aver rubato il portafoglio ad un turista newyorkese a bordo di un convoglio della metro diretto alla stazione Termini. Le due rom sono state accompagnate presso il centro di prima accoglienza per i minori di via Virginia Agnelli.
La refurtiva è stata recuperata dai militari e riconsegnata alle vittime mentre gli arrestati maggiorenni sono stati trattenuti in attesa del rito direttissimo.

Autore

Redazione MunicipioRoma

Redazione MunicipioRoma

Siamo una redazione intraprendente e sempre a caccia di notizie. Il nostro obiettivo è informare, raccontare storie, raccogliere le voci di chi non ha megafoni. Cercheremo di farlo con il massimo impegno, seguendo l’evoluzione delle notizie anche quando – per gli altri – “non fanno notizia”
  • gplus