Spiazziamoli, il Municipio XI aderisce alla due giorni romana contro le mafie

Il Municipio XI con una memoria di Giunta approvata oggi ha aderito formalmente alla manifestazione “Spiazziamoli: 50 piazze per la democrazia e contro le mafie” che si svolgerà il 6 e 7 marzo 2015. L’iniziativa, indetta dalle associazioni Libera e Da Sud vedrà nelle due giornate di venerdì e sabato l’organizzazione di una serie di eventi in contemporanea in tutte le zone della città, con l’obiettivo la realizzazione di 50 eventi per rompere il silenzio sulle mafie e la corruzione, e fare di Roma un palcoscenico e una piattaforma di democrazia e impegno antimafia. Lo si legge in un comunicato del Municipio XI.

Nel territorio del Municipio XI, in particolare, è in programma per il 7 marzo presso il Campo dei Miracoli di via Poggio Verde 455 a Corviale, l’evento “Un calcio contro l’illegalità contro Mafia Capitale” che vedrà insieme la Nazionale Magistrati, l’Associazione Avviso Pubblico, e l’Associazione Calciosociale, in una giornata dedicata allo sport e al confronto”.
“Con questa adesione – spiega il presidente del Municipio XI, Maurizio Velocciacontinua l’impegno del nostro Municipio contro le mafie e l’illegalità, iniziato a novembre 2013 con l’adesione al “Manifesto dei Sindaci per la legalità contro il gioco di azzardo” e la firma del Protocollo “Municipi senza Mafie” anche questo promosso dall’Associazione DaSud per ribadire il proprio impegno nella diffusione dei valori della legalità e di buone pratiche di prevenzione e controllo sui fenomeni di corruzione e illegalità. Impegno – conclude Veloccia – che, inoltre, ha visto il Municipio partecipare alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie che si è tenuto il 22 marzo 2014 a Latina e promuovere un accordo con Libera per la promozione di percorsi di sensibilizzazione tra gli studenti del territorio”.

Autore

Redazione MunicipioRoma

Redazione MunicipioRoma

Siamo una redazione intraprendente e sempre a caccia di notizie. Il nostro obiettivo è informare, raccontare storie, raccogliere le voci di chi non ha megafoni. Cercheremo di farlo con il massimo impegno, seguendo l’evoluzione delle notizie anche quando – per gli altri – “non fanno notizia”
  • gplus