Tor Bella Monaca, blitz nella piazza di spaccio: rimossi dai pompieri cancelli e porte blindate

Blitz dei carabinieri a Tor Bella Monaca. Nel corso di un servizio antidroga, i carabinieri della compagnia di Frascati, supportati da una squadra dei vigili del fuoco, hanno rimosso delle opere in ferro installate abusivamente sul portone d’ingresso dello stabile di via Camassei 29, nel quartiere Tor Bella Monaca di Roma, per ostacolare i controlli dei carabinieri. Le opere in ferro e acciaio erano state installate a protezione dell’atrio dello stabile dove i pusher potevano agire indisturbati. La droga poteva essere consegnata agli acquirenti mediante un foro procurato nella parete laterale. Durante le operazioni di rimozione degli ostacoli, numerosi residenti, che nei giorni scorsi avevano avuto difficoltà ad accedere alle rispettive abitazioni, hanno ringraziato i carabinieri e i vigili del fuoco per il loro operato.

Nel corso della stessa operazione, nella stessa via Camassei, i carabinieri hanno arrestato 5 persone per droga. Si tratta di un 22enne romano, sorpreso dai carabinieri mentre cedeva una dose di cocaina ad un giovane acquirente. I militari del Nucleo Operativo di Frascati lo hanno fermato e trovato in possesso di ulteriori 4 dosi di cocaina che sono state sequestrate. In concorso tra loro e nella medesima strada, i carabinieri della stazione di Tor Bella Monaca hanno arrestato due donne, cittadine romene di 25 e 35 anni, una donna romana di 51 anni e un uomo romano di 38 anni, già sottoposto alla misura dell’obbligo di firma. Nel corso di un servizio di osservazione, i militari li hanno sorpresi mentre cedevano dosi di stupefacente ad alcuni clienti. Anche in questo caso i carabinieri hanno sequestrato varie dosi di cocaina e circa 2000 euro in contanti, ritenuto il provento dell’illecita attività di spaccio.

GUARDA IL VIDEO

Autore

Redazione MunicipioRoma

Redazione MunicipioRoma

Siamo una redazione intraprendente e sempre a caccia di notizie. Il nostro obiettivo è informare, raccontare storie, raccogliere le voci di chi non ha megafoni. Cercheremo di farlo con il massimo impegno, seguendo l’evoluzione delle notizie anche quando – per gli altri – “non fanno notizia”
  • gplus