Trasporto pubblico in ginocchio per gli scioperi: chiuse le metro A, B e C

Trasporto pubblico in ginocchio nella Capitale a causa degli scioperi, rispettivamente di 24 e 4 ore, indetti dai sindacati di Base e dal Sul. Le ultime corse delle metro A, B e C sono partite alle 8.30, poi la chiusura delle tre metropolitane, della tratta urbana della Roma-Viterbo e della Roma-Lido. Attiva, con forti riduzioni di corse, la Termini-Centocelle. Entrambe le agitazioni interessano sia la rete Atac (bus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Roma-Viterbo e Termini-Centocelle) che le linee periferiche gestite dalla Roma Tpl. Per quanto riguarda lo sciopero di 24 ore saranno in vigore le fasce di garanzia: servizio regolare fino alle 8,30 e dalle 17 alle 20. L’agitazione di 4 ore, invece, sarà dalle 11 alle 15. Nella notte tra il 15 e il 16 giugno a rischio le corse delle linee notturne da N1 a N27 e della linea 913.

Lo sciopero ha naturalmente determinato inevitabili ripercussioni sul traffico in città con lunghe code. Sono segnalati rallentamenti e code sul Gra e sulla Tangenziale Est; paralizzate anche via Tiburtina, via del Foro Italico, via Ardeatina e via Laurentina. Rallentamenti da via Aurelia Antica a via Boccea, da via Flaminia Nuova a via Trionfale. La Ztl centrale e quella di Trastevere hanno i varchi aperti dalle 6.30 fino alle 18. Segnalati anche alcuni incidenti: in via del Mare al chilometro 10,700 c’è stato un tamponamento a catena, senza feriti, che ha coinvolto quattro veicoli. Incidente anche su via Laurentina, all’altezza di via Acqua Acetosa Ostiense, con un motociclista trasportato in codice rosso all’ospedale Sant’Eugenio.

LA POLEMICA CON RENZI – Dura la replica dell’assessore alla Città in Movimento, Linda Meleo, alle parole del segretario del Pd, Matteo Renzi, che ha parlato di “italiani stanchi degli scioperi”. “Vorrei ricordare a Matteo Renzi – attacca Meleo – che lo sciopero dei trasporti di oggi è a livello nazionale. Per questo l’ex premier farebbe meglio a pensare a come far revocare una manifestazione contro il suo governo. I cittadini sono esasperati dalle sue chiacchiere e dopo aver fallito al governo pontifica dal web. Lavorare mai?”. “Voglio ritornare anche sul piano della mobilità sostenibile – continua Meleo -. Noi guardiamo al futuro, non rappresentiamo la vecchia politica, legata a stereotipi e ingessature, vogliamo che Roma diventi al pari delle altre capitali europee e sappiamo che questa è la direzione giusta da intraprendere. Non ci facciamo fermare da slogan fatti sulla pelle dei cittadini. Il nostro è un progetto che vuole riprogrammare e migliorare la qualità dei trasporti a Roma, un primo disegno concreto che potenzierà il servizio. All’ex Presidente del Consiglio ricordo che le funivie sono già utilizzate in molte città europee e del mondo e che le abbiamo scelte per abbattere i costi di progettazione e perché più veloci da realizzare. Non abbiamo tempo per polemiche sterili, noi siamo a lavoro per la città e al servizio dei cittadini”, conclude.

Autore

Redazione MunicipioRoma

Redazione MunicipioRoma

Siamo una redazione intraprendente e sempre a caccia di notizie. Il nostro obiettivo è informare, raccontare storie, raccogliere le voci di chi non ha megafoni. Cercheremo di farlo con il massimo impegno, seguendo l’evoluzione delle notizie anche quando – per gli altri – “non fanno notizia”
  • gplus