Via di Torrenova, stressato dalla moglie chiede agli agenti di tornare in carcere ed evade i domiciliari

Non ce la faceva più a restare in casa ai domiciliari con la presenza costante della moglie. E così un equadoregno di 25 anni ha chiesto agli agenti di poter tornare in carcere. L’episodio è avvenuto in un appartamento in via di Torrenova, periferia Est della Capitale, dove gli agenti del commissariato Casilino Nuovo sono intervenuti, ieri pomeriggio, per una lite in famiglia. Gli agenti, saliti al secondo piano dello stabile, hanno trovato la donna in lacrime che ha riferito di essere stata aggredita dal compagno. L’uomo, un equadoregno di 25 anni, si è giustificato con gli agenti dicendo che la causa di tutto era lo stress accumulato in casa con la moglie. L’uomo, ristretto ai domiciliari, ha chiesto agli agenti di poter tornare in carcere. Alla risposta negativa della polizia, il 25enne ha aperto la porta di casa ed è scappato in strada, dove poi si è fermato e si è fatto ammanettare per evasione dai domiciliari.

Autore

Redazione MunicipioRoma

Redazione MunicipioRoma

Siamo una redazione intraprendente e sempre a caccia di notizie. Il nostro obiettivo è informare, raccontare storie, raccogliere le voci di chi non ha megafoni. Cercheremo di farlo con il massimo impegno, seguendo l’evoluzione delle notizie anche quando – per gli altri – “non fanno notizia”
  • gplus