Wake up Roma, Retake Roma e Luiss Enlabs lanciano grande evento per il 12 marzo

L’obiettivo è realizzare il più grande retake di sempre. Piazza di Porta Maggiore, piazza Vittorio Emanuele II, villa Paganini, piazza Anco Marzio a Ostia saranno il teatro di “Wake up Roma”, l’evento organizzato da Retake Roma e Luiss Enlabs, la “fabbrica delle start up” fondata nel 2010 dall’imprenditore Luigi Capello, per “risvegliare Roma”. L’evento è in programma sabato 12 marzo a partire dalle 10 del mattino. E non sarà un “semplice” retake ma “una grande azione collettiva di riqualificazione retakee riappropriazione degli spazi comuni – affermano gli organizzatori – per sconfiggere il vandalismo e il degrado che affliggono la nostra città e far tornare Roma a splendere”. Il titolo dell’evento – Wake up Roma – è una dichiarazione d’intenti: l’obiettivo, infatti, è ridestare la città, coinvolgere i cittadini, risvegliare il senso civico e l’orgoglio dei romani. Da Retake Roma, dunque, un appello ad unirsi ai volontari, che saranno supportati da Ama (con cui è stato sottoscritto nei giorni scorsi un protocollo d’intesa), per rimuovere adesivi, locandine, cartelli abusivi e illegali dagli arredi urbani, ripristinandone lo stato originale. E ancora, riverniciatura delle pareti imbrattate da scritte vandaliche, pulizia delle strade e recupero del verde. Una grande azione collettiva per “risvegliare” la città dal torpore, per passare dalle parole ai fatti. Sul portale www.wakeuproma.org c’è la possibilità di sottoscriversi per partecipare all’evento che sarà presentato nei dettagli in una conferenza stampa che si terrà il 2 marzo prossimo alle 11 nella sede di Luiss Enlabs in via Giolitti 34.

 

Autore

Redazione MunicipioRoma

Redazione MunicipioRoma

Siamo una redazione intraprendente e sempre a caccia di notizie. Il nostro obiettivo è informare, raccontare storie, raccogliere le voci di chi non ha megafoni. Cercheremo di farlo con il massimo impegno, seguendo l’evoluzione delle notizie anche quando – per gli altri – “non fanno notizia”
  • gplus